Organic beauty

Scrub viso per pelle secca e sensibile – Officina Umbra (Bioteko)

“Get up, right now. Rise up from where you’ve been, scrub away the tears and the pain of yesterday, and start again…Girl, wash your face!” Rachel Hollis

Amo la fase dell’esfoliazione soprattutto per il suo significato profondo: portar via le impurità, levigando! Mi piace l’idea che con questo gesto possiamo purificarci ed eliminare tutto ciò che, ogni giorno, ci appesantisce, ci avvilisce, ci abbatte. Con questo gesto possiamo trovare nuova luce. Ecco perché amo questa fase della skincare routine.

Il termine “scrub” deriva dalla lingua inglese ed indica un tipo di trattamento estetico la cui finalità è l’esfoliazione dell’epidermide. Consiste in pratica nella rimozione dello strato superficiale dell’epidermide che è costituito da cellule che hanno ormai concluso il loro ciclo vitale.

Ma che cos’è lo strato corneo? Qui sotto potete vedere un preparato istologico di cute umana (foto estrapolata dall’atlante di istologia sul quale ho studiato):

pelle3

Lo strato corneo è lo strato più superficiale dell’epidermide. Rappresenta la prima linea di difesa contro le aggressioni dell’ambiente esterno. È costituito dai residui delle cellule degli strati sottostanti (l’epidermide è formata da più strati sovrapposti), appiattite dette lamelle cornee o corneociti. I cheratinociti vanno infatti incontro ad una progressiva trasformazione, da elementi ad intensa attività mitotica e metabolica a lamine inerti cheratinizzate, che andranno poi perse per sfaldamento superficiale. Questo processo prende il nome di cheratinogenesi o citomorfosi cornea. All’interno dello strato corneo si può riconoscere uno strato più profondo in cui le lamelle sono adese tra di loro ed uno invece più superficiale in cui si osserva una minore adesione. A questo livello le lacune fra le lamelle sono riempite di materiale idrolipidico eleidinico. Quest’ultimo insieme al secreto sebaceo e alla componente acquosa del sudore, contribuisce alla formazione sull’epidermide di una sottile emulsione protettiva, il film idrolipidico cutaneo, che per il suo pH lievemente acido, ha un’azione antibatterica e fungostatica. Lo strato corneo, grazie al suo contenuto lipidico (ceramidi, colesterolo e acidi grassi), collabora con gli strati sottostanti per regolare la permeabilità della pelle.

Facciamo un po’ di chiarezza…

  • Scrub: agisce in maniera meccanica poiché contiene elementi (come sali o polveri o gherigli di semi) che effettuano un’esfoliazione meccanica, favorendo così l’ossigenazione dei tessuti, il rinnovamento della cute e permettendo una migliore penetrazione dei principi attivi che applicheremo successivamente.
  • Gommage: agisce sempre in maniera meccanica, ma a differenza dello scrub, è molto più delicato perché può contenere polvere di avena o riso, ecc; per questo motivo è più adatto a pelli sensibili.
  • Peeling: svolge un’azione chimica in quanto lo strato corneo viene eliminato o per mezzo di prodotti che contengono acidi (acidi della frutta come ad esempio l’acido glicolico), oppure tramite enzimi che decompongono le cellule morte agendo da cheratolitici.

“L’industria cosmetica propone moltissimi prodotti che esfoliano la pelle (scrub). La maggior parte di questi prodotti però contengono plastica, fragranze irritanti, glicerina, parabeni, ftalati e altri ingredienti discutibili. Questi prodotti commerciali possono danneggiare molto la delicata pelle del viso.”  Bioteko

Questo scrub ha infatti un fantastico inci.

INCI: SACCHARUM OFFICINARUM WAX, CAPRYLIC/CAPRIC TRIGLYCERIDE, METHYL GLUCOSE SESQUISTEARATE, CETYL ALCOHOL, PRUNUS AMYGDALUS DULCIS OIL, BUTYROSPERMUM PARKII BUTTER*, PAPAVER RHOEAS EXTRACT, ORYZA SATIVA GERM OIL, HELIANTHUS ANNUUS SEED OIL*, ORYZA SATIVA GERM POWDER*, CENTAUREA CYANUS FLOWER EXTRACT ,CHAMOMILLA RECUTITA FLOWER EXTRACT, LAVANDULA ANGUSTIFOLIA FLOWER EXTRACT, TOCOPHEROL, CALENDULA OFFICINALIS EXTRACT, LAVANDULA ANGUSTIFOLIA OIL. * Da agricoltura biologica

scrub viso3

È un mix di principi attivi che lo rendono dolce al gusto, delicato, ma efficace e davvero idratante. Queste qualità fanno si che anche una pelle secca e delicata possa apprezzare lo scrub. Al primo posto ritroviamo lo zucchero di canna che svolge un’esfoliazione via via sempre più delicata perché, durante il massaggio sul viso, si scioglie. Altro elemento che aiuta ad esfoliare sono i semi di papavero, che spuntano qua e là sotto forma di piccoli puntini neri. Contiene poi elementi che hanno un elevato potere nutriente ed idratante: l’olio di mandorle dolci, burro di karitè, olio di germe di riso, olio di girasole, olio di crusca di riso. Accanto a questi splendidi oli, che non fanno altro che ristorare la nostra barriera idrolipidica, ritroviamo gli estratti lenitivi ed addolcenti di fiordaliso e camomilla, l’estratto di lavanda, anch’esso ad azione lenitiva, oltre che schiarente ed astringente e l’estratto di calendula con potere antiossidante e calmante grazie ai carotenoidi di cui è ricco.

Come lo utilizzo?

Due sere a settimane mi concedo il lusso di utilizzare questo scrub. Dopo aver deterso perfettamente la pelle del viso, la lascio leggermente bagnata e massaggio delicatamente per qualche minuto una noce di scrub con movimenti circolari su tutta la cute del viso e del collo, insistendo sulle zone che ne hanno particolarmente bisogno come la zona T. Lascio in posa qualche minuto per consentire alla pelle di beneficiare dell’azione idratante e nutriente degli oli contenuti e poi risciacquo il viso con acqua tiepida o rimuovo il tutto utilizzando la spugna Fine Dama sbiancata di Cose della Natura (questo secondo metodo è quello che preferisco).

Opinioni

scrub viso2

È contenuto in barattolo bianco minimalista. Il colore non è molto invitante così come la profumazione, che è molto leggera, delicata ed indefinita, che non mi fa impazzire (anche se non rappresenta un motivo per il quale non lo riacquisterei più). La texture la definirei secca. Quando lo si prende dal barattolo sembra sfaldarsi come se la fase oleosa si separasse leggermente dalla fase solida, ma non appena lo si scalda con le dita e lo si inumidisce con l’acqua le fasi si amalgamano alla perfezione, diventando così molto piacevole al tatto. È estremamente delicato e se si vuole aumentare il suo potere “scubbante” si può utilizzare direttamente su viso deterso e completamente asciutto. Man mano che lo si massaggia si trasforma in una piacevole emulsione oleosa che nutre magnificamente la pelle. Si sciacqua molto facilmente sia con acqua tiepida che con acqua fredda e non lascia la pelle untuosa o appesantita, ma la prepara ai successivi trattamenti. Quest’estate la mia pelle era talmente morbida ed idratata che spesso non applicavo altre creme o sieri (grido al miracolo perchè io ho la pelle davvero secca che tende ad avere spesso quella sensazione fastidiosa di “pelle che tira”). Dopo un uso costante ho notato una pelle più sana, levigata, pulita e luminosa. È stata davvero una piacevole scoperta. Mi sento quindi di consigliarlo a chi ha una pelle secca e delicata come la mia che si arrossa solo a guardarla.

Bioteko ha poi pensato all’esigenza di tutte noi, formulando altri due prodotti per il viso: scrub per pelle mista e grassa e uno per pelle acneica ed impura. Non vi resta che provarli ed innamorarvene.

Conoscete già questi prodotti? Che prodotti utilizzate per questa fase della skincare routine?

Informazioni aggiuntive

Quantità: 100 ml

Prezzo: 14,99 euro

Dove acquistarlo: Le Muse bio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *